Mamma Moderna

Dai, mamma! Facciamo un gioco?

disordine giocattoli

Temo i compleanni dei miei bimbi, ma a terrorizzarmi non è affatto l’organizzazione della festa.

disordine, giocattoliUn paio d’anni fa (ma non ho intenzione di ripetere l’esperienza) ho dimostrato di sapermela cavare egregiamente con una sessantina di ospiti, tra piccoli e grandi, stipati a fatica in ciascuno degli ambienti del mio appartamento romano e tutti felicemente equipaggiati con l’indispensabile combinazione salviettapaninoconprosciuttobicchierediaranciata.

La cosa che proprio non mi va giù dei compleanni, invece, è la valanga di regali – al 90% giocattoli (i vestiti vengono solitamente degnati degli stessi sguardi che si riserverebbero a un piatto di lattuga scondita) – che rischiano di compromettere a lungo termine il già precario assetto domestico e di costringerci a far dilagare mattoncini da costruzione, macchinine, bambole e quant’altro ben al di là dei ristretti confini della cameretta.

Peggio ancora se la cameretta non esiste e il povero rifugio notturno di mamma e papà, già stracolmo e condiviso con la prole, finisce per straripare di balocchi a danno del soggiorno e, nei casi più gravi, persino della cucina.

La parola d’ordine per superare indenni la tappa del gioco è dunque, più che per ogni altra, organizzazione.

Sotto questo baluardo, che dobbiamo sostenere senza alcuna incertezza, incuranti degli attacchi di chi ci vorrebbe far soccombere sotto la mole dei giocattoli (in primis i bimbi e, a poca distanza, i nonni, gli zii, gli amichetti e tutti gli altri dona ferentes), iniziamo prima di tutto a liberarci di tutto ciò che riteniamo inutile, eccessivo, complesso e, infine, difficile da conservare.

Design Mood, Modulo A e Modulo BFatta una cernita tra i giocattoli e individuato ciò che è da riciclare / regalare / riservare a tempi migliori, arriva il momento di scegliere la soluzione migliore per conservare ciò che resta.

I sistemi modulari di contenitori possono dimostrarsi i migliori amici delle nostre necessità di organizzazione.

Io generalmente amo indirizzarmi su prodotti non specificamente studiati per l’universo kids.

In questo modo spero che, composto un insieme inizialmente adatto a ospitare giocattoli, lo stesso possa accompagnare la crescita dei bimbi e prestarsi a contenere, con il passare del tempo, libri, materiale scolastico, la musica preferita, accessori e altri oggetti.

Il Modulo A e il Modulo B di Francesca Paglia, ad esempio. Sono prodotti e distribuiti da Design Mood e, assemblati in diverse combinazioni, possono assumere diverse funzioni: cubo contenitore, sgabello, scaffale.

Deuz, TapikidCiascun modulo (che di lato misura 40 cm) costa appena 80 euro ed è personalizzabile con l’accostamento di colori diversi.

Decisamente low cost, poi, sono le proposte storage di Ikea; la serie Expedit, per dirne una, può davvero salvarvi la vita!

Non mi ci dilungo, però, certa che ormai abbiate una discreta conoscenza dello store di mobili in kit più diffuso al mondo.

Stipati a fatica i balocchi, è ora di pensare a come allestire lo spazio dedicato al gioco.

Un ampio tappeto, specie se lavabile e abbastanza soffice da assorbire i piccoli urti dovuti alle scorribande, si dimostra a lungo termine un buon investimento: è utile, decorativo e, visivamente, può insegnare al bimbo e ai suoi fratelli / sorelline / amichetti a delimitare l’area di gioco.

Lorena Canals, tappeto ecologico in lanaPrendiamo ad esempio i teli canvas di cotone biologico Tapikid di Deuz, che fanno dei motivi grafici e della morbidezza i loro punti di forza.

Sono corredati di comodi sacchi coordinati per trasportarli (sono perfetti anche al mare o per un picnic) e misurano ben 125 x 125 cm. Li trovate in vendita da Le Civette sul Comò a 57 euro.

Facendo un giro per The li*l Market, invece, è facile che vi imbattiate nei bellissimi tappeti in lana ecologica della Nuova Zelanda proposti dal brand spagnolo Lorena Canals.

Sono colorati, morbidi e la loro grande stella centrale non può che conquistare al primo sguardo.

Nora | design outfit

Commenti (3)

  1. Alessia

    Bell`articolo. Mi fa piacere trovare i tappeti Deuz in cotone organico nella tua scelta. Hanno un design minimale che lascia al bimbo liberta` di immaginazione. In vendita qui http://www.e-side.co.uk.

    Replica
    1. Nora (Autore Post)

      Grazie Alessia! Per lo spazio gioco penso sia molto importante lasciare spazio all’interpretazione degli oggetti, senza incanalare le azioni in schemi prestabiliti. In tutto l’allestimento, infatti, ho cercato di proporre soluzioni versatili, neutre e ricombinabili a seconda delle diverse esigenze. Spero continuerai a seguirmi qui su MammaModerna e magari, se ne hai voglia, anche sul mio blog design outfit dove spesso tratto di prodotti per bimbi. Nora

      Replica
  2. Pingback: CasaGiocattoli in cartone, creativi ed ecosostenibili | Casa

Lascio un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>