Mamma Moderna

TUTTI NEL LETTONE -10 benefici del co-sleeping-

co-sleeping

TUTTI NEL LETTONE -10 benefici del co-sleeping-

Prima di diventare madre appena sentivo nominare co-sleeping, bambini nel lettone, inorridivo! Il letto è di mamma e papà punto e stop! Ovviamente appena è nata mia figlia l’idea che lei dormisse beata nella cullina, mi chiamasse per le poppate e si riaddormentasse beata nella cullina era un effimero sogno condizionato dalle pubblicità. No! Lei nella cullina piangeva ore ed ore, dopo la poppata quando la rimettevo dentro rantolava tossiva si agitava e voleva poppare sempre più spesso! Quando abbiamo raggiunto il record di una poppata notturna ogni ora ho gettato la spugna, ero cotta! E mio marito mi ha sorriso e detto: -Non capisco che male ci sia a metterla nel letto con noi! Io ti guardo tutte le sere, tu sei la mamma, tu sai… Ma la piccola piange, tu sei isterica, tutti i cuccioli dormono con la loro mamma, perchè nostra figlia no?-

Detto fatto! Tutti nel lettone!   E tutti noi abbiamo dormito meglio. Siccome non resisto alla tentazione di documentarmi, ho deciso di informarmi sul co-sleeping scoprendo che i benefici superano di gran lunga i problemi che così spesso ci vengono sbandierati dal parentame come consigli non richiesti “Nel lettone lo vizi! Non se ne andrà mai più! Tu e tuo marito non avrete più intimità” … Sinceramente non è proprio così catastrofico, anzi! Ed ecco la lista dei benefici del co-sleeppare allegramente. Ciò che il parentame non vi ha mai detto!

Proprio come qualsiasi altra cosa , ci sono modi sicuri e non sicuri  e sicuramente non è per tutti , ma per coloro che sono interessati ecco qui:

1 . Si può restare nel proprio comodo letto per vedere cosa c’è che non va , se il bambino piange . E ‘ proprio lì di fianco a noi! Non ci si alza, non si inciampa nei giocattoli, non ci si spara la luce negli occhi o si cerca disperatamente il cellulare x illuminare la stanza e raggiungere il piccolo;

2 . Si può limitare se non impedire il pianto del bambino, che si sente sicuro e protetto durante i risvegli notturni e non ha bisogno di piangere affamato o impaurito per svegliarci perchè così vicino è in completa sintonia con la madre che lo sente semplicemente aprire gli occhi;

3 . L’allattamento al seno è più semplice e naturale. Il bambino sentirà l’odore del latte del seno della madre che si prepara alla poppata e chiamerà prima di arrivare ai morsi della fame e piangere disperatamente, se molto piccolo farà i suoi versetti, se più grandino gli basterà avvicinarsi al seno da solo e poppare, senza quasi svegliarci;

4 . Sentire il suo profumo, il suo respiro, coccolarlo, è un esperienza unica, e la complicità aumenta;
5 . Niente cullette o lettini, soldini risparmiati e tutto più eco-friendly, sennò si può ricorrere all’inventiva del papà che potrebbe costruire un side-bed da agganciare al lettone così da stare tutti più larghi!
6 . Dormire insieme non rende più timidi al contrario! I ragazzi che han condiviso il sonno nei primi anni soffrono meno di ansia da separazione, e sono più sicuri delle loro capacità. Numerosi studi condotti fin dagli anni ’40 sulle scimmie e altri più recenti han dimostrato che più il neonato sta a stretto contatto con la madre e riceve pronta risposta ai suoi bisogni più crescerà sicuro si sè*.
7 . Ci si sveglia accanto al loro viso dolcissimo, e dato che il buongiorno si vede dal mattino, se non è questo un bel risveglio…

8 . Si dorme di più e meglio, tutti quanti! Mamma meno stressata e bebè meno piagnucoloso di giorno, meglio di così!

9 . I bambini crescono così in fretta, a tre anni saranno già all’asilo e andranno nella loro cameretta, avranno i loro amici, le loro cose, se quando sono completamente dipendenti da noi, indifesi, neonati,  non li teniamo stretti neppure in quel momento, quando dobbiamo farlo? Quando ormai saranno ragazzi pronti a spiccare il volo? C’è un tempo per tutto, il tempo del neonato è di stare con la sua mamma, più avanti di esperienza in esperienza lo lasceremo andare a scoprire la vita. Perchè perdersi un momento così bello e tenero? così unico;

10 . E per quanto riguarda la vita di coppia? beh, inventiva, se il letto è occupato si può esplorare tutta casa! Un modo creativo per rinvigorire la vita sessuale!

Fonti:

*-Il bambino da zero a tre anni- di Piero Angela

-E se poi prende il vizio?- di Alessandra Bortolotti

co-sleeping

 

 

 

11 Benefits of Co-Sleeping

Natural parenting su fb

Commento (1)

  1. Vera

    Concordo pienamente… pure io sognavo un rientro roseo dall’ospedale… pappa e nanna nella culla, dopo 15 gg di pianti, notti in bianco ed io che cn il cesareo i primi gg ero in difficoltà ad alzarmi “agilmente” ogni ora x la poppata… abbiamo preso la decisione del lettone… è stata la nostra salvezza, ora ha 2 anni e 3 mesi, è un “cavallo agitato” quando dorme x cui da una settimana è nel suo letto nella sua cameretta… pensavo fosse un trauma x lui ed invece ho visto con gioia (nonostante 1/2 risvegli xkè ha sete) che è felicissimo di avere una stanza tutta per lui!!! Tempo al tempo, alla fine siamo “animali” pure noi, è normale che i nostri cuccioli vogliono stare con la loro mamma ;)

    Replica

Lascio un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>