• la tappa del sonno

    Stella, stellina. La tappa del sonno per i più piccoli

    Mettetevi l’anima in pace. Nei primi due o tre mesi di vita del neonato non si dorme. Il predetto assunto troverà riscontro nella vostra vita reale anche – e, per ironia, soprattutto – qualora voi applichiate, con la perseveranza propria dell’adepto a una setta, le più inflessibili regole dell’educazione infantile e vi atteniate a una pianificazione domestica H24 rigida da far invidia a una caserma. Trascorso questo primo periodo critico è possibile che riusciate ad appoggiare la testa sul cuscino per più di un paio d’ore a notte e che tutto, a poco a poco, torni a ritmi di vita umanamente sostenibili. È possibile, dico; non certo. Che la possibilità…

    Commenti disabilitati su Stella, stellina. La tappa del sonno per i più piccoli
  • una mamma per architetto

    (dis) organizzazione domestica

    La scorsa volta ci siamo presentati, ora iniziamo a fare sul serio. Mi rimbocco le maniche, inforco i miei occhiali dalla montatura rossa (il bello di essere una talpa post bi – gravidanza con l’aria da maestrina supponente) e mi concentro, con tanto di leggera ruga frontale, per raccontarvi qualcosa di utile e operativo in tema di casa e bambini. Per tara formativa, professionale e genetica (in questo il papà militare ha fatto la sua buona parte) nasco e cresco amante di funzionalità, organizzazione e sintesi. Che poi io abbia generato, nel corso degli ultimi cinque anni, due piccoli esponenti di un’affermata corrente rivoluzionaria domestica, poco importa. Tento comunque di…

    Commenti disabilitati su (dis) organizzazione domestica
  • Articoli

    La macchina salva-vita

    Ciao, il primo caldo un mese fa è arrivato e senza troppi convenevoli siamo  passati da 15 C A 30 C, un bello sbalzo di temperatura direi, ma purtroppo il primo caldo ha portato la prima brutta notizia: il primo bimbo dimenticato in macchina. La notizia è rimbalzata sui vari social network,giornali e tv ed io ho fatto finta di non vedere, ho fatto finta che non fosse successo, perché non voglio pensare a quanto possa aver sofferto quella povera creatura. Alla fine però mia mamma anche lei rattristata, come un fiume in piena mi ha raccontato più o meno la storia…. e ha terminato dicendomi: ” sai Francesca dicono…